Nuova Mercedes Classe A: focus sugli interni

Nuova Mercedes Classe A: focus sugli interni

Nuova Mercedes Classe A: focus sugli interni – In attesa di scoprire al Salone di Ginevra come sarà il design degli esterni, ci siamo recati a Stoccarda dove la Casa della Stella ha svelato l’abitacolo della quarta generazione.

Nata ben vent’anni fa – correva l’anno 1997 quando Mercedes presentò la prima generazione della rivoluzionaria Classe A – la berlina compatta di Stoccarda nel 2018 raggiungerà la quarta generazione e verrà definitivamente presentata molto probabilmente durante il Salone di Ginevra (8 – 18 marzo 2018). A quanto c’è dato sapere fin’ora, il design degli esterni non dovrebbe cambiare di molto, pur puntando a un’immagine sempre più sportiva, mentre a compiere un vero salto di qualità rispetto all’attuale generazione saranno gli interni che, per catturare un pubblico sempre maggiore, manterranno inalterate le note di sportività, che tanto hanno attratto fino ad oggi moltissimi giovani, ma punteranno su un maggiore spazio e una maggiore abitabilità a bordo, su una più elevata praticità e funzionalità costruttiva e su più alto e corposo livello tecnologico conditi da un rinnovato lusso moderno e contemporaneo.

Come in una sala giochi

Mercedes Classe A

Ispirato ai moderni smartphone con ampi schermi privi di cornice, l’abitacolo della nuova Mercedes Classe A vanta una plancia moderna e tecnologica che nulla ha da invidiare a quella già vista sulle moderne sorelle maggiori. Alla base di tutto vi sono, infatti, i due generosi schermi – di serie da 7 pollici ma ordinabili come optional da ben 10,25 pollici – che come da consuetudine sembrano essere sospesi in stile tablet sulla plancia orizzontale. Identici a quelli già visti sulle sorelle Classe E e Classe S ma solo leggermente più piccoli, questi due display ad alta definizione, il primo declinato a rappresentare il quadro strumenti mentre il secondo adibito all’interfaccia del sistema multimediale, sono privi della palpebra superiore antiriflesso ma saranno installati di serie fin dall’allestimento entry level. Altra novità è l’abbandono della ben nota rotella sul generoso tunnel centrale per lasciare spazio a un grosso touch-pad, in stile mouse per PC, che servirà a comandare sia i due generosi schermi che tutto il complesso sistema di infotainment. Funzioni che saranno quasi tutte facilmente ripetibili dal guidatore grazie agli 8 tasti e alle 2 superfici touch disposti sull’elegante e sportivo volante.

Qualità da segmenti superiori

Mercedes Classe A

Un abitacolo si più tecnologico e digitale ma sicuramente anche più curato e accogliente rispetto alla precedente generazione. La nuova silhouette di plancia, cruscotto e tunnel – una struttura formata da due superfici orizzontali arrotondate e da una verticale, entrambe molto minimaliste – vanta una qualità di materiali e una cura per gli assemblaggi e i dettagli davvero degno di nota, sia toccando le plastiche della plancia o quelle delle portiere che accarezzando i materiali che rivestono i comodi e sportivi sedili si percepisce subito il netto salto di qualità. Un upgrade non solo qualitativo ma anche stilistico che vede ora un profilo luminoso percorrere tutta la plancia e numerose fonti luminose sparse per l’abitacolo illuminare tanto le portiere quanto gli interni, arrivando ad illuminare persino l’interno delle bocchette di aerazione che per l’occasione hanno ripreso la classica forma circolare a turbina d’aereo. Inoltre il profilo luminoso, come già accade sulle sorelle maggiori, può essere regolato in ben 64 diverse tonalità ricreando in questo modo 10 diversi ambienti che incrementano ulteriormente la sensazione di raffinatezza ed eleganza dei tre allestimenti che saranno disponibili fin dal lancio: Style, Progressive e AMG Line. Chiudono il cerchio le numerose possibilità di personalizzazione interna e l’ampia scelta di materiali per il cruscotto e i sedili, come il legno a poro aperto, alluminio spazzolato o fibra di carbonio.

Spaziosa, accogliente e pratica

Mercedes Classe A

Pur mantenendo invariate le dimensioni e la silhouette esterna, la nuova Mercedes Classe A punta a regalare anche una maggiore abitabilità interna, un più elevato comfort di viaggio e una superiore capacità di carico. Cresce, infatti, il bagaglio che con un +29 litri di volume raggiunge ora i 370 dm3 di capacità totali, valore ottenuto allungano lo stesso di 11,5 cm e allargandolo di 22,5 cm. La soglia di accesso, merito dei nuovi fari posteriori sdoppiati, vanta ora una forma più regolare e squadrata e una bocca più larga di ben 20 cm cosi da permettere il carico e lo scarico degli oggetti più ingombranti. Stesso discorso per gli interni che cresciuti negli spazi offrono 0,8 cm in più per la testa dei passeggeri posteriori, 2,2 cm in più per le spalle dei passeggeri posteriori, 3,5 per i gomiti di chi siede davanti e 3,6 per quelli di chi siede dietro. Certo non aspettatevi l’abitabilità delle sorelle maggiori Classe C o Classe E, perché la nuova Classe A mantiene comunque la sua impostazione, ma questi piccoli miglioramenti sapranno rendere più piacevole la permanenza a bordo durante un lungo viaggio e sapranno donare al guidatore una maggiore visibilità in tutte le direzioni.

Lascia un commento